Ultime NEWS
sabato 18 novembre 2017
domenica 8 giugno 2014
Orario Invernale
SS. Messe
(Ottobre/Maggio)

Feriale
ore 18.00

Pre-Festivo
ore 18.30

Festivo
ore 10.30 - ore 18.30


Orario Estivo
SS. Messe
(Giugnno/Settembre)

Feriale - PreFestivo
ore 19.00

Domenica e Festivi
ore 09.30 - ore 19.00


 






San Giovanni Paolo II:
un Papa nella storia



Newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Registra Cancella
Credits

Arcidiocesi di Brindisi - Ostuni

News

« Elenco records

Solennità dell'Immacolata Concezione

Fonte
domenica 7 dicembre 2014

Solennità dell'Immacolata Concezione
Prima che entri in scena Maria, l’angelo Gabriele è il mediatore, l’inviato, il mandato, il portavoce del progetto che Dio ha su Maria: Ella è chiamata a dare alla luce Gesù e in Lui Dio vuole rendersi alleato dell’uomo, facendosi uno di noi. Ecco la novità assoluta della nuova ed eterna Alleanza. Luca, sin dall’inizio, presenta Maria in un atteggiamento attento e riflessivo, volto a cogliere il significato e le conseguenze della Parola di Dio. Si delinea già un profilo di Maria come di una donna obbediente, che non accetta passivamente la richiesta di Dio, ma in piena libertà. Prefigurando la scena intravediamo la dinamica: uno parla e si attende che l’altra risponda dopo aver ascoltato. Quindi uno che fa la proposta con rispetto e l’altra che aderisca con amore. L’obbedienza, insomma, non è inghiottire un sopruso, ma è fare un’esperienza di libertà. Maria, donna di molta fede, da creatura libera e sapiente muove un’obiezione: «Come avverrà questo, dal momento che sono vergine?». E l’angelo, a questo punto, espleta uno dei compiti che spettavano ai mediatori dell’Alleanza, quello cioè di illuminare le parti di un patto, perché l’adesione al Signore venga dal cuore e dalla mente.
«Lo Spirito Santo scenderà su di te». Con tali parole l’angelo ha esaurito il suo compito di rivelatore del disegno divino. Ora si attende che la Vergine Maria si pronunci. Maria risponde: «Ecco la serva del Signore. Avvenga di me secondo la sua parola». E qui l’evangelista Luca dà l’ultimo tocco alla scena, dicendo che l’angelo si partì da lei, quasi per recare a Dio l’accettazione di Maria, allo stesso modo in cui Mosè riferiva a Jahvè la risposta del popolo. Come Abramo, Maria si fida della “potenza” di Dio: nulla è impossibile a Dio.